RivoltEXPO

Con l’avvento dell’ Expo ci sentiamo tutti un po’ eccitatati. Nei prossimi mesi ci appresteremo ad affrontare un evento straordinario per il nostro paese.

La sezione milanese del PD, ha pensato di praticare uno sconto del 50% sul costo del biglietto a tutti coloro che sottoscrivessero la tessera del partito.Speravamo che anche il nostro paese approfittasse di questo evento, per promuovere le proprie bellezze, dimostrare le proprie capacità e valorizzare le proprie risorse umane.In realtà è valsa la regola di questi lunghi quattro anni: “stiamo a guardare, qualcosa succederà” .E qualcosa è veramente successo: un gruppo di ragazze volenterose ha fondato “Rivolta d’Arte”, con lo scopo di accogliere i turisti e guidarli, professionalmente, alla scoperta del patrimonio artistico rivoltano.Un bel colpo per questa amministrazione. Pensate che l’amministrazione di Pandino ha dovuto affrontare un percorso più lungo e tortuoso per poter offrire un servizio analogo…

Tornando a “Rivota d’Arte”, le nostre quattro ragazze “Laureate/diplomate” , si sono preparate e sarebbero già pronte per lavorare. Sicuramente questa amministrazione le affiancherà alla Pro Loco, unica associazione sul territorio preposta a questo servizio, direte voi; tutto sbagliato. La Pro Loco si occupa del mercatino della domenica… Il servizio lo gestirà “Ildebranda” (verranno presto santificati…), associazione che si è sempre occupata di cultura, in modo nettamente maggiore rispetto al Vicesindaco e all’assessore preposto.

Chiusa la polemica politica /elettorale (diranno) rimane il servizio professionale e qui la chicca. Avete visto ultimamente la piazza? E così difficile togliere, per almeno sei mesi, quei cartelli di divieto di sosta (posticci) e redigere un regolamento che vieti le affissioni sulla piazza (circo)? Vogliamo dare la colpa al patto di stabilità?

Detto ciò, resta la speranza che la sezione locale del PD, offra uno sconto del 50% sul biglietto per l’Expo, in risarcimento a questi lunghi quattro anni.

Lascia un commento