La viabilità è una priorità?

Con l’intento di mantenere fede al programma elettorale presentato alle scorse elezioni amministrative, in cui il Gruppo Rivolta al Futuro poneva tra i suoi obiettivi il riordino della viabilità, in particolare nelle zone critiche del paese, nei giorni scorsi alcuni rappresentanti del Gruppo Consigliare hanno voluto incontrare esponenti della direzione scolastica, del consiglio d’istituto e del comitato genitori, con la finalità della conoscenza reciproca fra le parti.

Nel corso dei colloqui, sono stati trattati diversi argomenti, tra i quali appunto la viabilità di Viale Piave e la necessità di mettere in sicurezza la zona, al fine di tutelare l’incolumità e la salvaguardia dell’entrata e dell’uscita degli alunni dell’Istituto.

Il nostro gruppo aveva predisposto un progetto di riordino del sistema viario, contente proposte per il miglioramento ed il contenimento delle situazioni di rischio/pericolo.

Il Gruppo Consigliare Rivoltiamo – attraverso il proprio programma elettorale – aveva manifestato il proposito di eliminare le barriere architettoniche esistenti in paese, a partire dagli edifici di proprietà comunale. Si riteneva pertanto auspicabile l‘eventuale riqualificazione delle strade che adducono a tali complessi.

La giunta attualmente in carica – che ha iniziato da sei mesi il proprio secondo mandato consecutivo – converrà con noi, ma soprattutto con i concittadini, che il cattivo stato di manutenzione dei marciapiedi lungo tutto il corso di viale Piave è evidente e che tale degrado causa notevoli difficoltà a chi percorre tale porzione di sede stradale.

Si rileva inoltre che:

  • gli attraversamenti pedonali – attualmente a raso – presenti su viale Piave risultano essere molto pericolosi;

 

  • negli orari di entrata e di uscita degli alunni dalla scuola primaria, la carreggiata risulta sottodimensionata rispetto alla reale affluenza di veicoli e di velocipedi che devono percorrere la stessa corsia, data l’assenza di un percorso ciclabile separato e sicuro;

 

  • la velocità dei mezzi che transitano su viale Piave spesso non risulta commisurata alle contingenti situazioni circostanti.

 

  • l’Amministrazione comunale ha concesso l’autorizzazione all’apertura di un asilo nido sullo stesso tratto di strada: è pertanto ipotizzabile che gli utenti fruitori del servizio incrementino ulteriormente il traffico nella zona.

 

In seguito ad ulteriore valutazione dei pareri dei nostri interlocutori, emerge il chiaro proposito di assicurare un miglioramento del servizio rivolto ai fruitori del plesso scolastico.

Rivolta al Futuro auspica che l’Amministrazione attualmente in carica fornisca informazioni in merito ai progetti che intende programmare per risolvere l’attuale situazione ed alle relative tempistiche, considerando il fatto che uno spostamento della zona d’uscita degli alunni comporterebbe, come sottolineato dal dirigente scolastico, un esborso di tempo e di denaro per la riorganizzazione dell’intero piano della sicurezza.

Rivolta al Futuro auspica inoltre che  si realizzi uno studio per l’eventuale inserimento di una pista ciclabile che consenta di raggiungere in sicurezza l’istituto Scolastico ed infine, nell’ottica di un eventuale miglioramento globale della zona – data la volontà di voler attendere ancora il ventilato possibile contributo per la costruzione della scuola materna, nell’area verde attualmente usata dagli scolari come spazio ricreativo e per attività didattiche – di specificare quali modifiche si intendono apportare per garantire una maggiore fruibilità e sicurezza del posteggio posto tra la scuola elementare e la sala Oriana Fallaci (ex palazzina scuole medie).