Biogas, avanti che c’è posto

INQUINAMENTO DA IMPIANTI BIOGAS
Breve analisi impianto biogas “promosso e sostenuto” dalla Giunta Rivoltiamo con assemblea pubblica del 2012. Dopo la centrale idroelettrica in località Bisarca ora il biogas in località Boldrinaglia.

I liquami zootecnici contengono tantissimo azoto, questa quantità esagerata inquina la falda acquifera e produce cattivo odore. La normativa regionale regola lo spandimento di liquame con precise indicazioni kg per ettaro di questo liquame.
Da qui nasce l’esigenza di costruire degli impianti che possono bruciare questi liquami e produrre energia elettrica e contemporaneamente permette agli agricoltori di aumentare le quantità di capi di bestiame.
E fin qui tutto bene perché questi sono i vantaggi.
Succede però che le molecole di azoto non si distruggono e la scomposizione chimica provocata dalla loro combustione fa sì che, da uno stato liquido o solido, le molecole di azoto e altre, si trasformano in uno stato gassoso (Biodigestato in primis). Il gas emesso dai camini dell’impianto è altamente inquinante e concentra nelle imminenze dell’impianto una forte tossicità nell’aria. Inquina anche verdura e frutta nonché l’erba dei prati. Ci sarebbe quindi una fortissima concentrazione di questi gas nei paraggi dell’impianto.
Quando non c’è vento, l’inquinamento dell’aria è circostanziato in un raggio di 500/1000 metri circa ma quando c’è vento l’inquinamento segue la sua direzione.
La prevalenza del vento nella zona di Rivolta d’Adda è: al mattino da nord a sud, dal lago di Como al mare; il pomeriggio al contrario, dal mare al lago di Como.
E’ evidente che gli interessati non sono solo gli abitanti vicini all’impianto in località Boldrinaglia ma tutta la popolazione di Rivolta e soprattutto i nuovi quartieri costruiti a sud di Rivolta.
Aggiungeva poi che l’impianto funziona come il nostro stomaco che digerisce i materiali immessi nel forno e che i liquami zootecnici sono poco produttivi. Non è raro infatti che in questi impianti, per poter aumentare la produzione di energia elettrica,vengano immessi materiali più produttivi tipo cereali e scarti dei supermercati, ossia cibi andati a male. Infatti, in via teorica, è possibile che la maggior produzione si ottenga introducendo scarti di macelleria.
Va aggiunto che, siccome nell’impianto agiscono dei batteri vivi che decompongono il materiale introdotto, viene fortemente richiesto di separare le urine di animali in cura con antibiotici.perche questi ultimi uccidono i batteri che decompongono nell’impianto i materiali introdotti.
Attivare questa precauzione è’ pressoché impossibile per gli agricoltori perché richiede tempo e denaro per fare la separazione dei liquami contaminati da antibiotici. La conseguenza di questa cattiva alimentazione dell’impianto provoca un cattivo funzionamento all’interno dello stesso, quindi una fuoriuscita di gas incontrollati,provocati da una non buona combustione.th70HGABMP
Il risultato sono cattivi odori e un peggioramento dei gas tossici per diverso tempo a volte anche il fermo di 5/6 mesi dell’impianto (Trescore Cremasco e Casaletto Vaprio sono gli esempi negativi più vicini) .
Vi lascio immaginare dove finiscono nel frattempo i liquami in attesa di ripristino dell’impianto.
Per alimentare un impianto di 299kw e’ necessaria una enorme quantità di liquami; è’ evidente che il progetto di impianto biogas in località Boldrinaglia verrà sicuramente alimentato con cereali ed altri prodotti di scarto, come evidenziato sopra.
Questa enorme quantità di approvvigionamento provocherà sulla strada vicinale Tamburina un traffico notevole che provocherà danni alla carreggiata della strada vicinale Tamburina, strada privata di diritto d’uso pubblico che tutti i proprietari che hanno il diritto di usufruirle hanno a suo tempo asfaltato e pagato di tasca propria.

Resta vero comunque il fatto che, al momento, i fornitori di liquami zootecnici che hanno fatto richiesta di conferire a questo impianto ( al momento sono 8 ), hanno tutti aziende a est della strada Cassano Pandino.

‪RivoltaalFuturo‬

Lascia un commento